Archivio news 16/09/2021

Le "New Entry" della Serie A 21/22

Ecco i volti nuovi del campionato: l'obiettivo primario è la salvezza, ma occhio alle sorprese

Una Serie A ricca di novità quella che si appresta a partire. Sono addirittura 7 le new entry per la stagione 2021-22. Tra emozioni e sogni ambiziosi tutte vorranno dire la loro nel campionato più importante di calcio a 8. La linea comune si chiama salvezza, ma il passato anche recente ci ha dimostrato come questo sia un torneo aperto a mine vaganti.

ANCOS ROMA – New Entry assoluta l’Ancos Roma. Progetto interessante tra ambizioni sportive e un grande lavoro rivolto al sociale quello del presidente Edoardo Schina. Alla guida ci sarà mister Luca Grimaldi, e una squadra pronta a misurarsi con i grandi del calcio a 8. Spicca davanti Alessandro Di Mario e l'ex O'Conell Luca Concutelli.

Edoardo Schina (presidente): “Il nostro club nasce da una collaborazione tra l’Ancos e la “Confartigianato Roma Città Metropolitana”, un’idea mia, del segretario di quest’ultima il dottor Saverio Menicacci e del presidente Andrea Rotondo. La nostra idea è volta allo sport e alla solidarietà, facciamo progetti che vertono sull’inclusione sociale e che vanno incontro a categorie disagiate, sia nel mondo dell’associazionismo che in quello del lavoro. Oltre al sociale c’è il lato sportivo. Abbiamo rilevato una squadra di calcio a 8 dandogli il nostro nome e il nostro supporto. Dal punto di vista sportivo vogliamo disputare un campionato di livello e rimanere saldamente in Serie A, abbiamo piena fiducia nel nostro allenatore Luca Grimaldi, in tutti i ragazzi e nello staff dirigenziale. Utilizzeremo sicuramente la visibilità della squadra anche per eventi sociali, ad esempio organizzando amichevoli con rappresentative istituzionali, o progetti a supporto degli ospedali e le disabilità. Ci farà piacere affrontare campioni come Totti o Ledesma, sarà anche un modo per conoscere l’uomo dietro al campione. Per questo sarà il doppio emozionante e molto gratificante”

GARBATELLA OSTIENSE - L’obiettivo dichiarato è la salvezza, ma la Garbatella-Ostiense, forte di due importanti realtà sportive alle spalle, vuole dire la sua. Dopo la militanza dello scorso anno nella Serie A2 (girone Sporticity) ecco il ripescaggio in massima serie e la voglia di far bene.

Giovanni D’Ambrosio (presidente): “Nasciamo come squadra di calcio a 11, abbiamo militato in prima categoria sfiorando la promozione l’ultimo anno prima della Pandemia, non siamo stati ripescati per un punto. Nel post-Covid due dei miei soci hanno preso strade diverse, e, rimasto da solo, ho stretto una collaborazione con i proprietari dell’Ostiense Calcio, Andrea Di Natale e Massimo De Luca. È nata una sinergia che riguarda sia calcio a 8 che calcio a 11. Garbatella e Ostiense sono due quartieri importanti. Cercheremo di portarli in alto, ovviamente il nostro primo step nel calcio a 8 dovrà essere la salvezza, che sia diretta o tramite playout. Proveremo questa avventura, lo scorso anno in A2 abbiamo perso 3-1 in finale, credevamo alla Serie A e c’è stata la fortuna del ripescaggio. Siamo contenti perché con ogni probabilità potremo giocare nel nostro circolo. Possiamo fare bene, in 2 mesi abbiamo fatto un grande lavoro. Sappiamo che sarà molto difficile, ma crediamo di avere una buona squadra. CI tengo a ringraziare il presidente Massimo De Luca e il direttore Andrea Di Natale, siamo carichi e in attesa di questa grande avventura che è la Serie A di cui tante volte abbiamo sentito parlare”

PISANA C8 – Una Serie A conquistata sul campo e la voglia di stupire anche in massime serie. Le credenziali ci sono tutte per la Pisana C8, una rosa collaudata e di sicuro affidamento. Confermato bomber Andrea Celiani, 10 gol la passata stagione in A2, e la rosa che ben ha fatto lo scorso anno. Un solo volto nuovo, Francesco Ferretti, che torna alla Pisana dopo un paio di stagioni.

Tiziano Celli (presidente): “La Pisana C8 nasce da un lutto doloroso, dalla scomparsa di Andrea Di Lorenzo, che nel quartiere era sempre dedito organizzare manifestazione sportive. Abbiamo iniziato dalla Serie B, passando per la A2 fino ad arrivare in Serie A. Quattro anni fa in massima serie perdemmo la finale contro il Cotton Club, da lì c’è stato un percorso in cui squadra e tifosi ci hanno sempre sostenuto. Abbiamo un affiatamento che va oltre al semplice scendere in campo e giocare. Quest’anno siamo riusciti a tornare in Serie A, sperando di fare bene. Cercheremo di dare il massimo, il campionato si è alzato parecchio di livello ma sono sicuro che ci faremo rispettare. Rispetto alla passata stagione abbiamo preso solo un giocatore nuovo, Francesco Ferretti, uno dei volti storici della Pisana. Non volevamo stravolgere una rosa che già lo scorso anno era pronta per la Serie A. Sappiamo di non essere una neopromossa che parte battuta, perché abbiamo tanti giocatori di qualità. Partiamo con l’obiettivo primario di salvarci, una volta raggiunta la salvezza si guarda ai playoff e lì tireremo le somme. Abbiamo mister Benedetti che ritengo uno dei migliori in circolazione, in più i ragazzi che oltre al lato calcistico sono grandi uomini.”

CAFFÈ SPARTACO HOPI FC – Una stagione importante alle spalle anche per il Hopi, e una categoria sudata sul campo a seguito di un trascorso nelle serie minori. Dopo la buona impressione nei playoff di A2 dello scorso anno, la squadra di mister Lorenzo Perrone vuole confermarsi anche in Serie A. Confermati i bomber Valerio Solfiti e Lorenzo D’Urso, reduci da una stagione fatta rispettivamente da 11 e 9 gol. Ma la rosa, vista anche la fusione con il “Caffè Spartaco”, si annuncia di qualità e pronta a stupire.

Lorenzo Perrone (allenatore): “La nostra squadra nasce due anni fa in Serie B, conquistando subito la promozione in Serie A2. Lo scorso anno siamo usciti in semifinale, ma è stata una grande cavalcata nonostante anche lo stop forzato per il Covid. Quest’anno ci saranno molte novità, abbiamo effettuato una fusione con il “Caffè Spartaco”, che oltre ad aver portato un blocco di giocatori importanti, ha aggiunto al nostro staff il viceallenatore Matteo Ranzani e il presidente Massimo Paris. Siamo consapevoli di dover fare un salto di qualità. Dopo le prime amichevoli posso dire che stiamo confermando le nostre potenzialità, per puntare in alto, fare un grande campionato e divertirci da buoni amici quali siamo”

PIZZERIA CLAUDIO E CLAUDIO – Un sogno chiamato Serie A per la Pizzeria Claudio e Claudio, dopo svariate stagioni passate nelle serie minori e l’arrivo nelle semifinali playoff di A2 lo scorso anno. In panchina siederà ancora Marco Risa, oltre ad una rosa confermata in larga parte.

Marco Risa (allenatore): “Il nostro club nasce da un gruppo di amici con una passione in comune: il calcio. Inizialmente non credevamo di poter arrivare a competere con le migliori squadre del calcio a 8...e invece eccoci qua. La maggior parte della rosa è confermata poiché è questo gruppo di ragazzi che ci ha portato nella massima serie. Logicamente stiamo valutando alcuni innesti. Non vogliamo però svelare le nostre carte. Il nostro obiettivo è come sempre essere competitivi e mantenere la categoria. Durante la stagione ci renderemo meglio conto a cosa possiamo davvero puntare.”

REAL GRANELLA – Altro volto nuovo della Serie A è il Real Granella. La cavalcata nei playoff lo scorso stagione ha portato morale ai ragazzi di mister Sandro Violini, nonostante il ko in finale contro La Pisana. Da tenere sotto osservazione bomber Christian Rosalba, capocannoniere della fase finale di A2 con 5 gol.  

Sandro Violini (allenatore): “Ci sarà qualche novità ma senza stravolgere più di tanto il gruppo che si è guadagnato la promozione sul campo. Il nostro obiettivo è cercare di rimanere nella massima serie anche il prossimo anno, visto che siamo una squadra giovane e inesperta ma con tanta voglia di crescere, cercando di giocare al calcio nel miglior modo e il più correttamente possibile”

SWAM LAB – Una novità è la SwamLab, nata dalla vecchia Snaip Bologna. Una società giovane e che vuole fare bene. Lo scheletro sarà quello della scorsa stagione, culminata con i quarti nei playoff scudetto. Una rosa che potrà contare ancora una volta sul talento di Mario Artistico, in panchina confermato mister Alessandro Baroni.

Mirko Mazzotta (presidente): “La Swam Lab C8 è una società giovane, nata dalla smisurata passione per lo sport e tutto quello che riguarda il mondo calcistico. Unendo in campo e fuori il divertimento, la determinazione, l’amore per questa disciplina, l’importanza del team e della coordinazione per puntare ad un unico obiettivo: essere i migliori in campo e vincere”


A cura di CronistaSportivo.it