Archivio news 11/07/2020

Alla Totti Sporting Club il primo titolo del 2020

Gli uomini di Cancellieri battono una rediviva Roma grazie alla doppietta di Lorenzo Silvagni

La Lega Calcio a 8 assegna il primo titolo del 2020, con la Totti Sporting Club che si aggiudica la Coppa Italia allo Sportcity.

Gara di nervi - Con le due squadre appesantite dal caldo e dal terzo match sulle gambe in meno di 7 giorni, è l’esperienza a farla da padrona. Nella prima parte di gara le due squadre provano ad accelerare, con gli uomini di Cancellieri che passano in vantaggio grazie al solito sinistro-dinamite di Matozzo. I tentativi di reazione della Roma sono però spesso alternati alle parate di De Bernardo che tiene a galla i suoi negando il 2-0 alla Totti.

Lo strappo del Man of the Match - Quando I giallorossi sembrano aver preso dominio della metà campo avversaria, arriva lo strappo creato dal Fanner Man of the Match. Su una ripartenza infatti, Silvagni rimane stremato a terra, la difesa giallorossa intenta ad attaccare se lo dimentica e quando il pallone giunge di nuovo al 15 lo stesso Silvagni senza fare un passo scocca un destro-capolavoro che vale il raddoppio.

Mastropietro dice no! - La Roma, assaporato il pari e poi  trovatasi sotto di due reti, attacca con le forze residue, ma ad aggiungersi alla serata no sotto porta dei giallorossi è Mastropietro. L’estremo difensore della Totti Sporting Club fa una parata incredibile da distanza ravvicinata sul tiro di Aquino, che incredulo guarda la porta ed i compagni. Ci penserà poi Di Giovanni ad accorciare all’ultimo minuto le distanze, per le speranze di una Roma che deve rifare i conti col solito Silvagni. Con le forze residue il centrocampista anticipa il difensore e vola in porta a depositare il 3-1 per i suoi.

I premi - La cerimonia di premiazione ha eletto come miglior portiere Mastropietro (Totti SC) mentre ad Aquino (Roma) è andato il titolo di miglior giocatore della finale. A Carlo Cancellieri invece il titolo di miglior allenatore, cui è spettato il difficilissimo compito di rimettere in piedi una squadra fatta di giocatori conosciuti in tutte le categorie professionistiche ma fermi fisicamente già da tempo. La capacità di gestire le poche energie ha permesso alla sua squadra di arrivare a giocare la finale e di conquistarla con merito.

La Totti Sporting Club è campione (anche senza il suo Campione) al primo colpo!